Vernaccia di Oristano DOC 2016 Contini

16,00

Quasi 120 anni di attività per la cantina Contini e un’unica grande protagonista: la Vernaccia di Oristano, prima denominazione di origine controllata in Sardegna e primo Tre bicchieri Gambero rosso del Centro Sud Italia.

Il suo invecchiamento prevede 4 anni di sosta in caratelli di rovere e castagno, tenuti scolmi per consentire lo sviluppo del caratteristico velo di lieviti “flor” rendendolo unico nel suo genere.

Descrizione

Descrizione

  •  TIPO VINO: BIANCO

  • AROMA: INTENSO E SPEZIATO

  • ABBINAMENTI: APERITIVO O DESSERT

  • VITIGNI: VERNACCIA

  • GRADAZIONE ALC.: 15,5%

  • TEMPERATURA: 8-10°C

  • COLORE: GIALLO DORATO

DESCRIZIONE CANTINA:

La lunga storia dell’azienda Contini inizia nel 1898, grazie a Salvatore Contini e al suo istinto imprenditoriale. Il vino dell’epoca era la Vernaccia e Salvatore si dedicò totalmente alla sua valorizzazione. I successi futuri gli diedero ragione: Salvatore ricevette la medaglia d’oro all’Esposizione Internazionale di Milano del 1912 per la produzione della Vernaccia di Oristano, primo vino in Sardegna a ottenere la denominazione di origine controllata a partire dalla vendemmia 1971.

Negli anni ’30, Salvatore venne affiancato dal figlio Attilio che prese in mano le redini dell’attività alla vigilia della seconda guerra mondiale. Negli anni ’60 l’azienda, fino ad allora familiare, si consolida anche grazie all’acquisizione di uve di produttori locali che aumentarono la capacità produttiva. Gli anni ’80 rappresentano un momento di svolta per l’attività della cantina, perché i tanti cambiamenti storici e sociali influiscono sui ritmi di vita dei consumatori. È in questo periodo di transizione che i Contini individuano un’importante possibilità di crescita. La cantina avvia la produzione di nuovi vini dedicati a un pubblico più giovane e dinamico, senza mai trascurare il legame con il territorio sardo.

Mamaioa in lingua sarda significa “Coccinella”, simbolo del mondo della natura e dell’ambiente incontaminato.

Nato nel 2010 dalla volontà di ascoltare le esigenze dei consumatori sempre più attenti alla qualità e alla genuinità dei prodotti scelti, il progetto Mamaioa produce due vini ottenuti da uve coltivate secondo i dettami dell’agricoltura integrata, con un bassissimo livello di solfiti.

Nel 2015 l’azienda raddoppia i suoi sforzi passando dalla produzione integrata al biologico certificato con un’attenzione sempre maggiore alla produzione in tutte le sue fasi e all’ambiente circostante. Ecco perché la coltivazione delle uve avviene con il solo utilizzo di sostanze naturali e senza l’impiego di organismi geneticamente modificati. Persino i processi di vinificazione in cantina si limitano all’utilizzo di prodotti autorizzati nel rispetto del rapporto con il territorio e la natura. I vini biologici Mamaioa Vermentino di Sardegna DOC e Cannonau di Sardegna DOC sono il risultato degli sforzi compiuti alla ricerca della qualità nel rispetto dell’ambiente.

DESCRIZIONE VINO:

Nel calice si presenta con un’intenso giallo dorato.

Al naso note eteree si fondono con sentori dolci e aromatici, che ricordano il mandorlo fiorito.

Al palato è pieno e avvolgente, secco quanto basta riempie il gusto con note calde e armoniche; finale lungo ed intenso.